Titulo

Di rosse labbra baccello di un bacio

Dal limbo son scivolata giù in paradiso...
Ho visto...
primavere fumare arghilè d'ali d'orchidee,
colonie d'api impollinare ascelle dei monti
e minuscoli colibrì tuffarsi nei succhi rossi
d'inebriate labbra di bacche...
Ho sentito sussurri e bisbiglii
nascondersi dietro gli alberi mentre...
il vento correva tra i rami sottili
delle mie gambe alle radici
a spirar l'edera a crescere dismisura
in ardire alla luna
e scalar di minuscole mani i miei capezzoli
Ho chiuso gli occhi appena...
a frugar nell'ombra l'odore di muschio
e sentire se questa terra era vera...
Ma è passata una nuvola blu
sembravi tu
appesa al cielo dei miei alati pensieri
mi tuffavi al cuore
goccia dopo goccia
al passo dei miei battiti
senza far rumore
solo un gran silenzio d'Amore...
Uscivi brillo nel sapore dalla bocca
"di rosse labbra baccello di un bacio..."
Ho sentito anelarmi la mente
sposare i miei capelli con una vera
di bratte rosse
e alle chiome danzare...
danzare nuda la notte
come liane gitane di un magico fantAmore...


~ Catherine La Rose©2011 ~
Digital Art by Anne-Claire Payet

 Forest Nymph, c. 1900 by  Julius Schmid (Austrian, 1854-1935)
e Photography by Marta Bevacqua

2 commenti

Cerca nel blog

Copyright ©2015 Catherine La Rose. All rights reserved. Powered by Blogger.