adinsiemelink

26/12/11

Il silenzio del caos


Sull'orlo di un precipizio
ho taciuto i tuoi respiri
condannando al silenzio il mio

Mi sono calpestata i piedi
disgiunta d'ogni verbo
e congiunzione
sperperata al vento
come polline sterile al
sacrificio della solitudine...
Ti lascio un cuore a pezzi
parte di me e di te
senza parole e vezzi.
Sono in maltempo
in attesa di lacrime temporali
che qualcuno mi salvi
anche una mano con le ali
sollevarmi dal suolo del dolore
e lanciarmi tra le braccia del sole...
Ho bisogno di parole
che mi tocchino
mi fomentino e tormentino
che mi smuovino le ovaie...
Ho assoulutamente bisogno
di accarezzare la dolce sostanza
della parola Amare...
Grido invece
solamente il silenzio
l'insostenibile pesantezza dell'essere
grido me, grido te
d'ogni dubbio e verita'
del caos nella mia mente...
Perche'... non son certa...
di cercare tanto lontano
da questa calma apparente
il sollievo, il perdono
il rapimento o qualsiasi cosa sia...
Son qui... come un cigno nero
sotto i riflettori
di una vigile morte
ad attenderti....

Catherine La Rose©2011
Opera by Richard Young

Nessun commento:

Posta un commento

Popular Posts